Incontro degli alunni di V MMA al Festival della Dottrina sociale della Chiesa.

img_20181020_144842_876

Sabato 20 ottobre, gli alunni della V Meccanica dell’ ITI Lucarelli, accompagnati dalla docente Cristiana Miceli, hanno preso parte, in qualità relatori e ascoltatori, all’incontro sul tema  “Il rischio della libertà di rimanere” all’interno del Festival della Dottrina sociale della Chiesa, organizzato dalla responsabile del gruppo DSC di Benevento, dott.ssa Maria Fanzo. All’evento hanno partecipato gli alunni di un’ultima classe del Liceo classico Giannone, accompagnati dalla docente Teresa Simeone, il sindaco Clemente Mastella, l’arcivescovo di Benevento, Mons. Felice Accrocca,  il dott.re Filippo Liverini, presidente della Confindustria e Mons. Adriano Vincenzi, responsabile della DCS di Verona.

Di fronte alla domanda “ si è realmente liberi di lasciare il proprio territorio?” gli alunni dell’ITI Lucarelli hanno risposto attraverso le testimonianze dirette di alunni ed ex alunni che si sono trasferiti lontano dal Sannio o che vivono nei luoghi d’origine. Attraverso la lettura dei racconti, è emerso che la scelta è fortemente condizionata dalla necessità di un lavoro riconosciuto, stabile e retribuito in modo equo; inoltre, si reputa libero della propria scelta solo chi ha deciso di vivere e lavorare nei luoghi in cui è vissuto.

Numerosi gli interventi sulla richiesta chiara dei giovani sanniti di creare opportunità di lavoro nel territorio: il sindaco Mastella ha invitato i ragazzi presenti a non aver paura di fare esperienze all’estero, in un’Europa che deve essere considerata un’unica nazione; ha lamentato poi la lentezza della burocrazia italiana che frena gli investenti. L’arcivescovo Accrocca ha sottolineato la carenza delle infrastrutture che delega il Sannio a un ruolo periferico delle attività produttive. Anche il Presidente della Confindustria ha ribadito il ruolo chiave dei trasporti nello sviluppo dell’industria sannita, e ha invitato i ragazzi presenti a essere innovativi, proponendo alle aziende nuove start-up. Infine, Mons. Vincenzi ha lodato l’intelligenza e l’intraprendenza dei giovani del Sud che proprio dalle difficoltà sono in grado di far emergere nuove soluzioni. A nome di tutti i presenti, poi, è stato rivolto un ringraziamento all’organizzatrice dell’incontro, dott.sa Fanzo per aver permesso ai giovani studenti di partecipare non solo in veste di ascoltatori, ma anche di relatori, creando, quindi, una reale circolazione di idee, riflessioni e proposte.

20181020_145038img_20181020_144842_87620181020_145715  20181021_130719