Comitato Tecnico Scientifico

L’Istituto ha sempre lavorato per rafforzare il raccordo sinergico tra gli obiettivi educativi della scuola, le innovazioni della ricerca scientifica e tecnologica, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali espressi dal mondo produttivo. Il CTS diventa il volano per implementare i rapporti scuola-territorio-università- mondo del lavoro (stimolo alla innovazione) nell’ambito di un responsabilità condivisa.

FANNO PARTE DEL NOSTRO CTS


  1. UNISANNIO
  2. BTICINO
  3.  Magna  Mainpower
  4. Kes sel
  5. Sinter Sud srl
  6. AFR Locomotori SRL
  7. TE.CO.FER.Srl
  8. Sanniomatica srl
  9. Sistema azienda srl
  10. Desmon srl
  11. Pem srl
  12. Ziegler Off. Meccanica
  13. Geolumen (insediata nel Parco Scientifico Tecnologico)
  14. Ass.ricerca
  15. Politecnica sannita/ Formazione ricerca el.ca  Colella  Antonio
  16. Ing  Mennella  Salvatore // Owner Studio Tecnico
  17. Sigmapi //  Direttore tecnico ing. Pugliese  Salvatore
  18. Industria olearia Biagio Mataluni
  19. PSTSA e AIC SCPA (Parco Scientifico
  20. CONFINDUSTRIA  BENEVENTO
  21. IMEVA S.P.A.
  22. NESTLE’ S.P.A.
  23. Vivateq s.rl.
  24. ANTA ASS. Naz. Tutela Ambiente
  25. Micro Game spa
  26. Didanetwork snc

MA ALTRI ENTI E AZIENDE PRESTO SOTTOSCRIVERANNO UN ACCORDO DI INTESA…. 

Il CTS costituisce un elemento che può favorire l’innovazione dell’organizzazione degli istituti tecnici; è un organismo con funzioni consultive e propositive per l’organizzazione delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; è lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e sviluppare le alleanze formative.

PUNTI DI FORZA

- Mettere a disposizione degli insegnanti un’analisi dei fabbisogni del mercato del lavoro.

- Costruire, mediante le scuole e il territorio, modelli organizzativi idonei al raggiungimento degli obiettivi formativi dichiarati.

- Adattare il curriculo alle specificità del territorio utilizzando gli spazi dell’autonomia e della flessibilità

- Fornire occasioni per sperimentare nuove metodologie didattiche.

- Realizzare forme miste di apprendimento insieme alle imprese (stage, alternanza, tirocini, visite, eventi) che coinvolgano sia gli  studenti sia gli insegnanti.

- Definire le competenze aggiornate e complete richieste dalle figure professionali che la scuola intende qualificare.

Valorizzare al massimo i laboratori

pdfScarica il pdf per approfondire